Perché Firenze è la capitale del gelato

La storia del gelato vanta antenati in tutti i continenti, ma la scuola italiana nasce dal genio di un pollivendolo fiorentino: il Ruggeri. Dopo di lui ci pensò Buontalenti a mantenere a Firenze la casa natale della golosa invenzione. Chi ci pensa oggi a tramandare quest’antica tradizione fiorentina?

Born in Florence

Nei primi anni del XVI secolo, cioè in pieno Rinascimento, i Medici avevano indetto a Firenze un concorso decisamente fuori dagli schemi: “Il piatto più singolare che si sia mai visto”. A spiccare su tutti i cuochi toscani fu proprio lui: il Ruggeri, un fiorentino povero e di basso profilo.

Gelato-artigianale-Firenze

Come? Dando vita al “ghiaccio all’acqua inzuccherata e profumata”. Fu proprio quel ghiaccio, progenitore del gelato, a sciogliere il cuore della giovane Caterina de’Medici, che volle portar con sé il pollivendolo alla corte di Francia, per lasciar tutti sbalorditi con la sua creazione.

Un marchingegno memorabile 

Se a Ruggeri possiamo attribuire l’invenzione europea del gelato, a Buontalenti possiamo invece garantire la creazione della gelatiera.

Gelateria-artigianale-Firenze

 

Bernardo Buontalenti era l’architetto più noto della Firenze Medicea del secondo Cinquecento. Il Buontalenti era detto anche “Bernardo delle girandole” per via dei marchingegni che si inventava per stupire gli invitati ai ricevimenti dei Medici. Fu difatti durante una visita di alcuni ambasciatori spagnoli che diede vita alla sua più celebre creazione.

Si racconta infatti che Bernardo andò in cucina ed addestrò i pasticceri ad utilizzare una strana scatola da lui personalmente progettata. Inserendo in questo misterioso “aggeggio” ingredienti quali neve, sale (che per una legge fisica avrebbe tenuto bassa la temperatura del composto), limoni, zucchero, bianco d’uovo e latte come per magia si produceva il gelato.

La gelateria tra tradizione e modernità

Oggi a Firenze ci sono vari gelatai che cercano di tramandare quest’antica tradizione fiorentina attraverso prodotti genuini e una bella dose di passione.

Ho scoperto una nuova gelateria che da San Niccolò si sta conquistando spazio nel cuore dei fiorentini grazie a un gelato artigianale in cui è possibile sentire il gusto degli ingredienti semplici, quelli che prima di tutti usò magistralmente il caro Buontalenti.

Gelateria-artigianale-firenze

Andrea, uno dei proprietari della gelateria Vivaldi, mi ha garantito che l’altissima qualità dei prodotti per loro è una priorità imprescindibile. Viene usata solo frutta biologica, latte fresco, cioccolato sud americano, insomma solo il meglio. D’altronde lo capirete appena entrati nel locale di essere capitati in un posto speciale.

E sulla qualità del cioccolato oggi non ho davvero più dubbi, reduce dall’assaggio di una cioccolata calda in tazza da perder la testa. Sì perché Vivaldi è anche cioccolateria artigianale di spessore. Ti suggerisco anche il caffè bio, eccezionalmente sano e buono.

Ti sfido a provare, in fondo un gelato in San Niccolò non potrà mai essere una brutta esperienza.

Gelateria Vivaldi
Pagina Fb

Via dei Renai, 15r – Firenze
Orario:
dal martedì al mercoledì: 12.00-21.00
il giovedì 12.00-19.00
dal venerdì alla domenica: 12.00-00.00
Chiuso il lunedì. 

Dispondibile WI-FI

Foto credits: www.anypics.ru (cover)