Queer Covers. Copertine impazzite dal 12 novembre all’Ireos

“Graffiante, colorata, sorridente, riflessiva, patinata, eccitante, esilarante… un tuffo nel vinile super queer!” (Bruno Casini, Director Art del Florence Queer Festival)

(di Saverio Pepe Vince D’Antuono)

“Queer Covers – Copertine impazzite” è la prima mostra in Italia dedicata alle copertine di vinili 33 e 45 giri LGBTQ, organizzata dal Florence Queer Festival. Sarà inaugurata sabato 12 novembre alle 18.00, presso la sede di Ireos (via De’ Serragli, 3 – Firenze. Ingresso libero).


Oltre 200 le copertine di vinili, che saranno in esposizione fino al 5 dicembre e che raccontano il mondo LGBTI dagli anni ’60 a oggi: Diana Ross, Village People, Renato Zero, Bonnie Tyler sono solo alcuni dei protagonisti delle “copertine impazzite”.

Dagli anni ’60 a oggi un tuffo nella musica Queer: Diana Ross, Village People, Renato Zero, Bonnie Tyler e tanti altri. Le vostre reliquie musicali, gli altarini più pop, le vostre copertine per sempre perdute tra un trasloco e un altro. Icone gay e icone di un epoca musicale dove trasgressivo era ancora un aggettivo e non una etichetta scontata. Dalle soffitte più glamour di Firenze e dalle librerie più lesbo-chic una valanga di vinili vi porta direttamente nel cuore della produzione più psichedelica-romantica-nazional-popolare. Arte visiva in poche parole.

Una ricerca sulla produzione italiana ed internazionale, una radiografia sull’immagine musicale LGBTQ attraverso i vari decenni, con vinili provenienti da collezionisti privati.
“Graffiante,colorata,sorridente,riflessiva,patinata,eccitante,erotica,eclettica,esilarante. La mostra è curata dallo staff del Florence Queer Festival in collaborazione con Afortwo Creative Group e Nicola Ungaro.


Per i nostalgici duri e puri, per gli amanti del vinile, per chi si commuove davanti al vecchio mangiadischi, per percorrere la lunga strada della musica Queer, guardando e ballando.