5 laghi da visitare a Firenze e provincia

I laghi tra Firenze e provincia, con le piogge che li hanno risollevati, sono un itinerario autunnale da non perdere. Ecco 5 percorsi tutti da scoprire.

Laghi di Scandicci

Per vistare Firenze in modo un po’ diverso potete recarvi al lago di di San Zanobi. Si parte dal quartiere Vingone di Scandicci in direzione di Chiesanuova.

Oltrepassato l’abitato di Giogoli, si lascia l’auto al bivio seguente e si imbocca a piedi via del cimitero di Casignano. Preso il sentiero in discesa, si supera il torrente Vingone e dopo poche decine di metri appare il primo lago quello di Chiesanuova.

Proseguendo a destra per meno di un paio di km, si arriva al lago di San Zanobi, tra rospi e piccoli uccelli, accompagnati da un panorama emozionante su Scandicci.

Qui oltre al lago continuando in un sentiero in salita ma facile, il cosiddetto viottolone, si trova la grotta di san Zanobi, luogo di eremitaggio e di leggende miracolose attribuite al santo. Un’oasi di aria pura e marciando ancora un po’ si arriva a Poggio Valicaia, quasi 400 metri d’altezza, con una vista spettacolare.

Lago di Londa

Il piccolo ma prezioso centro storico di Londa, fa da anticamera al lago artificiale ottenuto sbarrando il torrente Rincine. In questa vasca che offre un panorama dolce e un riparo per tanti uccelli, affluiscono anche i torrenti che scendono dalle valli di Petroio e Fornace.

Dal ponte di Londa sul Rincine, il giro è breve e suggestivo ma è la scusa per addentrarsi nei vicini boschi di Rincine e nei sentieri che portano all’antica Pieve di sant’Elena. Al rientro stanchi per la passeggiata ci si può fermare a mangiare sul lago o in uno dei tanti ristoranti ed osterie, dove si ritrova la vera cucina tradizionale toscana.

 Padule di Fucecchio

Passata l’estate con gli uccelli che fanno provviste per la stagione fredda, il Padule di Fucecchio è nel massimo della sua bellezza botanica. Residuo della enorme palude che lambiva i territori di Montecatini e Monsummano, è un classico delle gite di fine settimana con i suoi 1500 ettari: un museo ornitologico a cielo aperto.

Un esempio eccellente di preservazione degli ambienti umidi, visitabile anche con le guide del Centro di documentazione e promozione del Padule di Fucecchio. Con le due riserve naturalistiche, delle Morette e la Monica-Righetti è un territorio che durante la stagione più fredda si avvolge di un misterioso silenzio, rotto solo dagli uccelli. Una escursione che fa bene al cuore e alla vista.

Laghi di Montaione

Sono laghi moderni, creati dall’uomo negli anni ’60 per aiutare l’irrigazione nell’agricoltura, quando da rurale diventava sempre più industrializzata. I laghi di Montaione, ovvero quello di Castelfalfi e quello dei Cipressini, sono però l’esempio di come l’urbanizzazione e l’uso del territorio anche naturalistico può essere fatto a regola d’arte.

Inseriti uno scenario dove i boschi della Selva di Camporena si contendono le spoglie colline argillose, si raggiungono seguendo le indicazioni per Castelfalfi, una volta arrivati a Montaione.

L’itinerario a piedi è davvero piacevole e regala delle piccole ma preziose sorprese storiche come il borgo di Castelfalfi e il castello di Tonda. In particolare il lago dei Cipressini è uno dei laghi più suggestivi, nascosto alla vista, circondato e protetto da eriche, pini marittimi e corbezzoli.

Laghi di Tavarnelle

Arrivati a Tavarnelle di Val di Pesa, a sinistra lungo la strada che porta a San Donato si arriva al lago la Pieve. Anche questo è un bacino artificiale incastonato nel paesaggio chiantigiano in maniera egregia.

Si parte dalla Pieve di San Pietro a Bossolo, un  esempio di arte religiosa che stupisce per la classicità da manuale dello stile romanico. C’è una discesa accanto alla Pieve che porta al lago in 15 minuti.

Una passeggiata immersi nella boscaglia selvaggia e naturalistica che porta allo specchio d’acqua quasi perfettamente quadrato, dove lo spettacolo riempie gli occhi.

Credits foto: Antonella Maraviglia – Gianluca Toni; Immagine in evidenza: www.tourismintuscany.it

Parco di Poggio Valicaia

Padule di Fucecchio

Le zone umide della Toscana

Laghi della Toscana