Il volto seducente di Firenze. 4 musei della moda ve lo raccontano

Immagina un luogo in cui arte e stile si confondono, dove tradizione diventa seduzione. In una parola: Firenze. Un tour tra i 4 musei della moda vi rivela la città come non l’avete mai sognata.

Quello che succede quando la culla diventa passerella

12 febbraio 1951: nasce l’alta moda italiana. Dove? Che domande, ovviamente a Firenze. Giovan Battista Giorgini organizza il “First Italian High Fashion Show”, sfilata presenziata da grandi buyers di tutto il mondo. Il successo è immediato e la sfilata viene replicata  in Palazzo Pitti, nella lussuosa Sala Bianca, scenario di memorabili eventi grazie ai quali la moda italiana verrà conosciuta ed ammirata in tutto il mondo.

Galleria del Costume

Proprio a Palazzo Pitti, antica residenza dei granduchi di Toscana e dei re d’Italia,  ha sede oggi l’unico museo in Italia dedicato alla storia della moda, la Galleria del Costume, situato nell’elegante Palazzina della Meridiana. La Galleria possiede un patrimonio di 6000 indumenti tra antichi, teatrali e accessori legati al gusto ed al decoro. Con lo stesso biglietto sarà possibile visitare anche il retrostante Giardino di Boboli, il parco all’italiana più grande di Firenze. 45.000 m2 di verde immensità vi porteranno avanti e indietro sulla linea del tempo.

Museo Salvatore Ferragamo

Se il buongiorno si vede dal mattino, nel caso di Via de’ Tornabuoni è certo il buon gusto ad albeggiare. In fondo alla via dello shopping c’è il Palazzo Spini Feroni, dal 1995 location del Museo Salvatore Ferragamo, inventore della celebre ” zeppa” di sughero, alla continua ricerca della calzatura perfetta. Oltre all’immensa collezione di calzature dal design unico, non potete perdere alcuni dei  modelli creati per le più grandi star di Hollywood (Marilyn Monroe, Greta Garbo, Audrey Hepburn).  Dopo un turbine di forme e colori che cosa c’è di meglio di un break al Caffè Giacosa, lo storico salotto fiorentino?

Museo Ferragamo Firenze

Museo Gucci

Dal 28 settembre scorso è stato aperto al pubblico, in occasione dei novant’anni della casa di moda, il Museo Gucci, collocato nel palazzo della Mercanzia, in Piazza della Signoria. Era il 1921 quando l’ artigiano fiorentino Guccio Gucci fondò la sua azienda ed il suo primo negozio a Firenze. Su tre piani si riassume la storia della maison fiorentina che segue la filosofia “Forever Now” del marchio. Assolutamente da vedere la Sala Borse al primo piano, una selezione di bauletti, pochettes, shopping bags, di ogni grandezza, tono e forma. Ed al piano superiore la Logomania, la storia della doppia G, indelebile simbolo del made in Italy.

Museo Capucci

Ultimo, ma non per importanza, il Museo Capucci, nello scenario della splendida Villa Bardini, perla dell’ Oltrarno fiorentino. L’esposizione, al principio temporanea ed oggi permanente, è dedicata ad una serie di “sculture da abitare” che Roberto Capucci ha confezionato per la Biennale di Venezia del 1995. Certamente fuoru dall’ordinario, il museo mostra l’incontro tra la creatività e l’esperienza dello stilista definito da Christian Dior “il miglior creatore della moda italiana“.