Da Fiesole a Settignano andata e ritorno a piedi

Un classico delle passeggiate invernali. Le colline sferzate dal vento ma dopo pochi passi il panorama riscalda l’anima e di conseguenza il corpo. Attrezzatevi e partite.

fiesole Settignano
Si parte da Fiesole, arrivateci in bus con il 7 dell’Ataf da via della Dogana, in macchina, oppure a piedi se avete abbastanza tempo. Una sosta nella piazza, uno spuntino e via verso via Ferrucci direzione Montebeni. Alla destra le cave di Maiano e Vincigliata sono i primi due luoghi che vedrete. A Vincigliata c’è il parco avventura e il castello, che si contendono lo spazio fisico e visivo ad un territorio dove la fatica di camminare con il freddo è ripagata dalle bellezze naturalistiche ed architettoniche. Una dopo l’altra piccole ville, case di campagne, la collina fiesolana invernale brulla ma piena di cose da sentire e vedere.

Monte Ceceri

La camminata è impegnativa ma piacevole ma arrivati a Montebeni, inizia la discesa verso Settignano il borgo mistico e nobile con le sue case arroccate con dolcezza, i suoi panorami da incorniciare con la vostra digitale. Il tempo inclemente ma ventoso che a tratti regali una luminosità setificata, regala in queste ore luci che difficilmente il vostro Photoshop, potrà darvi. Lungo la strada che vi porta a Settignano, castelli, le ville medievali dei notabili guelfi, le strade percorse a piedi da Giovanni Boccaccio, Michelangelo Buonarroti, Niccolò Tommaseo, Gabriele d’Annunzio, Leo Stein. Vigne ed oliveti vi accompagno nella piazza del paese, per una altra piacevole sosta.

Settignano

Arrivati a Settignano avete ben tre alternative: Se siete stanchi prendetevi il bus 10 che vi porta in centro. Se avete ancora forza ripartite verso Fiesole, risalendo per Poggio Gherardo, Villa Gamberaia, godendovi i panorami verso Coverciano e facendo ancora scorpacciata di panorami, case e foto, totalizzando 12 km circa di saliscendi. Se avete ancora più voglia puntate ad est verso l’Arno per raggiungere Compiobbi, scegliendo un itinerario tutto rurale verso via di Doccia. L’Arno e Compiobbi vi aspettano per chiudere in bellezza, con una sosta e con il comodo treno che vi riporta dalla stazione locale a Firenze.