5 luoghi per un tour archeologico a Firenze e dintorni

Nell’hinterland fiorentino è possibile costruire un itinerario da veri Indiana Jones. Da Sesto Fiorentino a Fiesole, ecco 5 luoghi per un tour archeologico a Firenze e dintorni.

Sesto Fiorentino e l’antica Etruria

Uno dei monumenti etruschi meglio conservati si trova a Sesto Fiorentino, in località Quinto Alto, in via Rosselli 95.

Si tratta della tomba della Montagnola, detta a tholos, di forma tronco conica. Vi si entra passando il dromos, ovvero il corridoio per arrivare alle tombe sepolcrali. Pareti alte tre metri di tufo vi riportano a quella che era l’Etruria del medio Arno.

Poco distante in via della Mula c’è la Tomba etrusca della mula, che rievoca l’antica leggenda della mula d’oro, finita chissà dove. Come la tomba della Montagnola, è visitabile tutti i sabati dalle 10 alle 12 o su richiesta al comune di Sesto Fiorentino.

Fiesole, la collina delle antiche bellezze

Se invece preferite iniziare il tour archeologico a Firenze e dintorni da un’altra zona della città, la vicina Fiesole è un museo a cielo aperto.

“Faesulae” ha già un definito assesto urbanistico sui colli di San Francesco e di Sant’Apollinare, l’area archeologica visitabile tutti i giorni, tranne il martedi sino alle 14 e da marzo fino al tramonto, offre il Tempio etrusco-romano, la necropoli longobarda, le mura urbane, le terme e il teatro romano.

Pochi i fiorentini che si mescolano insieme ai turisti. Da  visitare ovviamente anche il Museo civico archeologico nella palazzina neoclassica all’interno dell’area archeologica.

Bruscoli, il Mugello preistorico

Il turismo invernale ma anche in altre stagioni ci porta verso il panoramico passo della Futa, dove potete fare una suggestiva tappa a Bruscoli, territorio in cui le tracce antichissime dall’età del ferro in avanti sono sparpagliate nel suo territorio.

Da non perdere la visita al Museo storico etnografico con i reperti geo-archeologici che provengono delle campagne di scavo effettuate lungo l’antica strada di epoca romana e sui ruderi del castello medievale dei conti Alberti. Si visita il pomeriggio di domenica dalle 15 alle 18.30.

Centro archeologico di S. Agata

Direzione Scarperia per scoprire il paese dei ferri taglienti con la sua esposizione nel trecentesco Palazzo dei Vicari.

Nel pomeriggio delle domeniche dalle 15 alle 18 presso lo splendido Chiostro della Pieve di S. Agata è possibile visitare l’esposizione che documenta i principali rinvenimenti archeologici del Mugello occidentale.

Una collezione vastissima che non può mancare di essere visitata durante questo tour archeologico a Firenze e dintorni, che va dalla preistoria fino al periodo moderno, con testimonianze di epoca etrusca e romana, per concludersi con i reperti medievali recuperati nel corso delle indagini sui castelli del territorio comunale di Scarperia. Parliamo di reperti di 300.000 anni fa.

Poggio Frascole

I numerosi scavi iniziati negli anni ’70 nell’area di Frascole, nel comune di Dicomano,  hanno permesso di scoprire, oltre alle fondamenta dell’antica chiesa romanica di S. Martino al Poggio, il poderoso perimetro quadrangolare di un edificio etrusco, che sembra essere un grande tempio.

Il ritrovamento più interessante è una stele di tipo fiesolano. Si tratta di un monumento funerario molto ben conservato,che raffigura una figura maschile barbuta.

Oltre agli scavi non perdete la visita al Museo archeologico aperto il sabato e la domenica dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18. Nel mezzo, dopo questo  tour archeologico a Firenze una sosta alla scoperta della cucina mugellana invernale è d’obbligo.

Archeologia Toscana

Credits foto: Paul Albertella (cover); estranotizie.com -treccani.it – antikitera.net – culturamugellana

taxi firenze