Quello che non puoi perderti alla Biennale dell’Antiquariato a Firenze

Dal 5 al 13 ottobre Firenze ospita la Biennale dell’Antiquariato, giunta alla 28° edizione. Cultori e collezionisti, rispolverate estro e creatività.

Non posso fare a meno di immaginare un eccentrico Virgil Oldman aggirarsi tra le stanze di Palazzo Corsini a Firenze, con l’occhio critico e attento di chi l’arte la mastica da una vita. Per parlare della Biennale, il riferimento a La migliore offerta di Giuseppe Tornatore (che il 10 ottobre riceverà peraltro il premio «Il Lorenzo d’oro») è presto fatto.

Di certo non ci sarà un Geoffrey Rush da Oscar ad aprire l’attesissima kermesse, ma i 74 operatori della Biennale dell’Antiquariato (63 italiani e 11 stranieri) daranno comunque prova di abilità e gusto.

biennale dell'antiquariato firenze

Dal 5 al 13 ottobre l’arte torna superba ad animare le stanze di Palazzo Corsini dopo oltre mezzo secolo di vita e dove studiosi, antiquari e collezionisti allestiranno i loro stands nella maestosa cornice realizzata da Pier Luigi Pizzi

Leggo che saranno almeno 5 mila le opere selezionate dagli espositori per qualità e rarità. Ma le sorprese non finiscono qui, perché ad inaugurazione avvenuta sarà assegnato un premio allo stand più bello. Altri due premi – di 10 mila euro ciascuno – andranno invece alla scultura e al dipinto migliori. Somma che sarà destinata, infine, al restauro di opere d’arte di patrimonio pubblico.

A fare da corollario alla Biennale dell’Antiquariato saranno poi due mostre: una dedicata alla Manifattura di Doccia e la seconda – Ritorni n.2 – al Museo Bardini sugli acquisti, locali e internazionali, degli antiquari italiani.

Biennale Internazionale dell’Antiquariato
Dal 5 al 13 ottobre
Tutti i giorni dalle 10.30 alle 20.00
Palazzo Corsini – Lungarno Corsini, Firenze

Credits: http://www.toscanantiquaria.it (cover); Aldoaldoz (foto interna).