Nurse with Wound. Dadaismo musicale al Museo Marini il 18 maggio

La rassegna International Feel che si è svolta al Museo Marini di Firenze si conclude il 18 maggio con un concerto che rappresenta un’occasione irrinunciabile per gli appassionati.

Nurse with Wound è il nome che l’inglese Steven Stapleton diede alla sua band nel 1978. Tre personaggi che misero insieme il proprio interesse per le Avanguardie artistiche, (il Dadaismo e il Surrealismo, su tutte) e lo trasformarono in musica e suoni, non senza una bella dose di ironia e divertimento.

Nel loro primo album inserirono una lista di ben 291 artisti e band dei generi più diversi (dal rock al jazz, dall’elettronica alla musica contemporanea) di cui si dichiararono debitori: per dare un’idea, dentro c’erano John Cage, i Cabaret Voltaire, Captain Beefheart, Frank Zappa, i King Crimson, Yoko Ono. Ma anche il nostro Franco Battiato (quello di Pollution, incredibile primo album sperimentale del Maestro siciliano)gli Area di Demetrio Stratos, o i Napoli Centrale, storica band italiana fra free jazz e progressive.

Comunque già agli inizi degli anni ’80 Stapleton rimase il solo componente originale dei NWW ma da allora non si è fermato mai, avendo all’attivo oltre cinquanta dischi pubblicati, più numerosissime collaborazioni e partecipazioni a progetti collettivi.

Il concerto fiorentino sarà l’unica data italiana in cui potremo vedere ed ascoltare il “vecchio” Stapleton suonare brani dal suo repertorio completo. Questo ci permetterà di gustarci Nurse with Wound apprezzandone la capacità di attraversare generi anche profondamente diversi fra loro ma fusi con uno stile che li rende assolutamente coerenti l’uno all’altro.

La location del Museo Marini sarà quindi la scena ottimale per accogliere una musica di questo spessore, così profondamente legata anche al mondo dell’arte e come d’altronde è stato in tutti gli altri concerti della rassegna International Feel.

Ma ora più che mai preparatevi a vivere un’esperienza coinvolgente ed estraniante al tempo stesso, come solo una band come Nurse with Wound, con la sua musica, può regalarci.