La Primavera del Rinascimento, Palazzo Strozzi - Firenze

La Primavera del Rinascimento: la mostra da scoprire a Palazzo Strozzi

Uno straordinario progetto lungo 4 anni trova il suo compimento in una mostra nata in collaborazione con il Louvre:  La Primavera del Rinascimento. A Firenze, nelle sale di Palazzo Strozzi, fino al 18 agosto.

Alla parola Rinascimento quale artista, quali opere, quali immagini vi vengono in mente? Probabilmente avete pensato a Botticelli o forse addirittura a Michelangelo, Leonardo o Raffaello, eppure il Rinascimento ha le sue fondamenta prima e queste sono legate a fatti precisi.

L’idea di Rinascimento è spesso vaga, fortemente legata a immagini-icona di grande suggestione e fascino. Questa consapevolezza ha spinto alla realizzazione de La Primavera del Rinascimentola scultura e le arti a Firenze 1400-1460, un’idea che non ha nulla di ovvio o scontato.

mostra firenze

Proprio il Rinascimento nella sua primavera è forse quello meno conosciuto, denso di spunti, relazioni e influenze reciproche tra gli artisti. Nella scultura ha un punto d’origine fondamentale.

Nata da una collaborazione eccezionale tra il Museo del Bargello di Firenze e il Museo del Louvre, gli unici due musei che da soli sono in grado di sostenere un nucleo di opere di questo livello, la mostra ospitata a Palazzo Strozzi ripercorre e racconta le arti a partire dal 1401.

Il concorso per la seconda porta del Battistero del 1401 è un fatto preciso e ricordato come la data dell’inizio del Rinascimento, una cosa che non può non affascinare perché nessun altro fatto simile ha avuto un ruolo di tale strepitosa importanza nella storia dell’arte.

Tutta un’epoca straordinariamente prolifica nasceva lì, dalla gara che vedeva fronteggiarsi i due eroi di quel tempo: Filippo Brunelleschi e Lorenzo Ghiberti. Da lì inizia anche La Primavera del Rinascimento.

Filippo Lippi - La Prmavera del Rinascimento, Palazzo Strozzi di Firenze

 

La mostra, divisa in sezioni, comincia offrendo alcuni elementi fondamentali per capire dove il nuovo linguaggio scultoreo del Rinascimento trova fondamento: Nicola e Giovanni Pisano, Arnolfo di Cambio, Tino di Camaino e Jacopo della Quercia introducono alle due formelle del Concorso del 1401 di Ghiberti e Brunelleschi.

Da quel punto in poi, le dieci sezioni si susseguono raccontando di romanitas, nuovi condottieri, pittura scolpita, prospettiva, bellezza e nuovi mecenati.

Scultura, pittura, scritti e oggetti che materializzano 60 anni di genio fiorentino che emoziona e commuove come solo l’arte sa fare.

Per la Primavera del Rinascimento sono stati eseguiti restauri eccellenti dei quali troverete spiegazione in mostra. Il San Ludovico da Tolosa di Donatello, del quale vi avevamo raccontato l’inizio dei lavori di restauro circa un anno fa, è talmente straordinario che varrebbe da solo la visita.

Nel percorso della mostra incontrerete una sala di lettura e tocco: alcune riproduzioni in gesso e bronzo (prodotte dalla storica galleria e fonderia fiorentina Frilli) sono a disposizione dei visitatori per poter stimolare il senso del tatto, un’esperienza tutt’altro che scontata.

La Primavera del Rinascimento
23 marzo – 18 agosto 2013

Palazzo Strozzi
Firenze, P.zza Strozzi

A cura di Beatrice Paolozzi Strozzi e Marc Bormand

Orario: 9.00 – 20.00; giovedì 9.00 – 23.00

Biglietto: intero 12,00; ridotto 8,00 – 8,50 ; scuole 4,00