John Carter. Un eroe su Marte di Andrew Stanton

Dal 7 Marzo è nelle sale l’atteso film del regista Andrew Stanton, tratto dal romanzo fantasy Sotto le lune di Marte (1912) di Edgar Rice Burroughs.

Nel cast Taylor Kitsch, Lynn Collins, Willem Dafoe e Samantha Morton.

La trama

Reduce dalla sconfitta della Guerra Civile e smarrita ogni certezza, l’ufficiale dell’esercito americano John Carter (Taylor Kitsch) decide di andare in Arizona alla ricerca di una miniera d’oro.

Durante un inseguimento da parte dei guerrieri Apache, il soldato si rifugia in una caverna. Sfuggito all’attacco, John Carter riprende il cammino che s’interrompe immediatamente, perchè assiste a un’esperienza extracorporea, osservando il suo corpo disteso sul suolo.

L’uomo viene teletrasportato sul pianeta Marte, per diventare il dio della guerra e iniziare un’incredibile avventura tra le diverse razze aliene, sfruttando i suoi prodigiosi poteri.

Un secolo di attesa per John Carter: antesignano dei fumetti e del genere fantascientifico

Dopo gli spettacolari Star Wars, Avatar e Prince of Persia un nuovo eroe è approdato sul nostro pianeta: John Carter. In realtà il personaggio, creato nel 1911 per mano di Edgar Rice Burroughs, è il capostipite del filone narrativo che intreccia fantascienza e avventura. Durante il secolo scorso le Barsoom Chronicles (Ciclo Marziano) dello stesso autore sono state fonte d’ispirazione iconografica per illustratori come Alex Raymond (creatore di Flash Gordon), Jerry Siegel e Joe Shuster (Superman), Frank Frazetta e per registi del calibro di Georges Lucas e James Cameron. Basti pensare al pianeta di Tatooine, al palazzo di Jabba e alla storia di Avatar.

Il progetto ambizioso di realizzare il mondo fantascientifico di Burroughs è stato sovente rimandato per motivi economici e produttivi. Gli effetti speciali erano poco avanzati e non era considerato originale portare sullo schermo un soggetto depredato da molti artisti. Adesso ci prova Andrew Stanton, premio Oscar per i film di animazione Alla ricerca di Nemo e Wall-E, dirigendo un Kolossal fantascientifico, arricchito da una storia d’amore e intrighi politici.

Un film epico sostenuto dalla sceneggiatura di Michael Chabon, premio Pulitzer 2001, e dalla fermezza del regista. Movimenti di camera impressionanti, montaggio perfetto e ritmo incalzante, rispettando sempre il modello classico. Colpiscono, non in maniera  eccessiva, le creature aliene che popolano il pianeta rosso, chiamate Thoats e Calots, che daranno del filo da torcere al protagonista, ma è soprattutto la storia umana.

Il soldato americano John Carter si ritrova su una terra straniera, attanagliata da una profonda crisi, dove scopre di possedere dei straordinari poteri. Una difficile decisione lo attende. Sarà l’inizio di un’altra saga? Non pensateci adesso, è l’ora di essere teletrasportati: destinazione Marte.