Doc at Home – Il cinema documentario nelle case dei fiorentini

Parte la prima edizione di Doc at Home, in collaborazione con il Festival dei Popoli e L’assessorato alle politiche giovanili.

 

Che cos’è Doc at Home?

Lo scopo dell’iniziativa è quello di avvicinare la gente al genere del documentario, che ha grande successo in Europa e in tutti i festival internazionali ma che spesso viene trascurato in Italia.

E se i film sul reale trovano difficoltà di collocazione nelle grandi sale, i tre giovani fiorentini, ideatori del progetto, hanno pensato di portare i film (selezionati dal ricco archivio del Festival dei Popoli) a casa delle persone, ricreando una sala in miniatura.

Ogni proiezione sarà accompagnata da un piccolo aperitivo e vi si potrà accedere solo con prenotazione; i posti, limitati, cambieranno a seconda delle dimensioni degli spazi messi a disposizione.

Sono previste, al momento, un totale di quattro proiezioni:

La prima, quella di stasera alla Casa della Creatività, ad ingresso gratuito e libero (senza prenotazione) durante la quale sarà presentato il progetto e proiettato il film I Am Jesus (V. Gudenus e H.Sartorato, Italia, 2010) che racconta di tre mondi paralleli – una comune di contadini in Siberia, un gruppo di squatter in Inghilterra, un gruppo di sole donne in Brasile- che ruotano attorno a tre figure differenti con una cosa in comune: la convinzione di essere Gesù Cristo.

L’iniziativa entra nel vivo a partire dal 25 settembre, primo appuntamento in casa, con il documentario-commedia I promessi Sposi (di Massimo D’Anolfi e Martina Parenti, Italia, 2007), in cui si incrociano i destini e le storie di alcune persone alle prese con il periodo che precede il giorno del matrimonio. L’accostamento dell’aspetto più religioso con quello laico, ci mostra questi individui che, nonostante la ricchezza e la specificità delle situazioni e delle richieste, rimarranno per sempre persi tra i dogmi della Chiesa e le regole dello Stato.

Si passa poi a giovedì 13 ottobre, con la proiezione di Dalla testa al cielo (di Debora Scaperrotta, Italia, 2010), sul viaggio interiore di Mohammed, marocchino lontano dalla sua terra, un giovane uomo il cui corpo lo ha messo di fronte a forti riflessioni sul senso dell’esistenza e lo ha portato ad un costante confronto con le persone e le cose da un punto di vista molto particolare.

Ultimo appuntamento domenica 6 novembre con un documentario a sorpresa scelto dall’organizzazione.

Come partecipare?

Per prenotarsi alle proiezioni è sufficiente mandare una mail a docathome@festivaldeipopoli.org, lo staff risponderà confermando la prenotazione e fornendo l’indirizzo della casa in cui si svolgerà la serata.

Le prenotazioni si aprono dieci giorni prima di ogni film.

Il Biglietto è di 5 euro e comprende la proiezione e l’aperitivo.

[box class = “info”]

Per maggiori informazioni:

Facebook: docathome firenze

docathome@festivaldeipopoli.org

366 / 9944255

[/box]