dead man down film

Dead man down nei cinema di Firenze

Il regista di «Uomini Che Odiano Le Donne» torna sul grande schermo con un nuovo thriller ad alta tensione. Dead man down nei cinema di Firenze dal 14 marzo 2013.

Qual è il sapore della vendetta? Il regista danese Niels Arden Oplev, reduce dal successo di «Uomini che odiano le donne», prova a rispondere con un nuovo thriller adrenalinico: «Dead man down», nelle sale fiorentine a partire dal 14 marzo 2013. 

Abbandonate le gelide ambientazioni del nord Europa, il cineasta dirige il suo obiettivo verso il mondo della criminalità newyorkese. Ed è in mezzo alla malcelata corruzione della Grande Mela che si muove Victor (Colin Farrell), affiliato della gang del boss Alphonse (Terrence Howard), alla quale ha giurato fedeltà.

Ma gli equilibri della criminalità organizzata, si sa, possono essere molto labili: un misterioso killer infatti sta progressivamente eliminando tutti i componenti della banda.

Nel tentativo di arginare questa minaccia, Victor conosce la misteriosa Béatrice (Noomi Rapace), che vive con la madre Valentine (Isabelle Huppert) nel palazzo di fronte al suo. La donna, sfigurata nel volto e nell’animo, non riesce a placare il suo desiderio di vendetta verso l’uomo che, anni fa, la rese vittima di un grave incidente.

dead man down cinema firenze

Il criminale, anch’egli irrimediabilmente segnato da un burrascoso passato, entra ben presto in sintonia con questa donna così enigmatica e affascinante. Inizia così il percorso di due anime ferite, accomunate dal medesimo desiderio di lavare nel sangue i torti subiti.

Dopo i fasti del primo capitolo della trilogia Millennium, con Dead man down il regista torna a esplorare il grande tema della vendetta catartica, di quell’estremo -e sempre vano-  tentativo di lenire gli squarci interiori con piani violenti e vendicativi. In attesa di una redenzione che potrebbe non arrivare mai.

dead man down cinema firenze

Seguendo il doppio binario dell’attrazione fatale e del thriller adrenalinico, Oplev procede lungo il percorso tracciato da «Uomini che odiano le donne», raccontando una nuova storia di anime perdute.

Amore e odio si mischiano così in un turbinio di colpi di scena e sparatorie, in un crescendo shakespeariano dove, alla fine, vincere sembra impossibile.

Un mondo alla rovina dunque, dove violenza e sopraffazione sembrano gli unici principi regolatori. Dove l’unica cosa che ti resta da fare, è chiedere pietà ad un destino cinico e baro. Senza nessuna garanzia di riceverla.