Animal House torna nei cinema di Firenze con 3 date speciali

«To-ga! To-ga! To-ga!» Il virgolettato è soltanto uno degli innumerevoli sketch della commedia capolavoro di John Landis che verrà proiettata nei cinema di Firenze, in versione restaurata, il 7, 8 e 9 Ottobre.

Sono convinto che certi film invecchiando migliorano, proprio come il buon vino. E che certi film acquisiscono lo status di cult assoluto nel tempo, proprio come i migliori dischi alternativi.

È questo il caso di Animal House di John Landis. Capostipite della commedia in salsa di grottesca farsa post-adolescenziale, rimane tutt’oggi un capolavoro del genere che ha dato il là (inconsapevolmente) ad epigoni di scarsissimo spessore negli anni. Come spesso accade nella storia del Cinema.

animal house2

Sarebbe quasi ridondante mettersi a stilare le ragioni per cui un film del genere andrebbe assolutamente visto, ma vale la pena sottolinearne alcune. Ti sei mai chiesto perché alle più disparate e caotiche feste universitarie girano sempre elementi in toga che bevono come idrovore?

Semplice, nasce tutto dalla mente di John Landis e dal talento di John Belushi: la festa in toga sulle note di Otis Redding è di diritto una delle invenzioni filmiche più azzeccate di sempre. Qualcosa che, appunto, ha superato lo schermo per prendere forma nella vita reale.

Inoltre, la perfetta regia di Landis ad accompagnare quel John Belushi aka Bluto Blutarsky: tra i personaggi più farseschi e sopra le righe che si ricordino. Un uragano di buffoneria, alcolismo, politicamente scorretto ed umanità che passa e lascia il segno. Impossibile da dimenticare. Insomma, il gioiello che rivoluzionò il genere american comedy e che proiettò Landis tra i grandi esponenti della New Hollywood sul crepuscolo degli anni ’70 è ancora oggi un’opera ineguagliata per ritmo, montaggio, inventiva, messa alla berlina delle abitudini borghesi e dello status quo conformista.

animal house cinema firenze

Un film di reietti e perdenti in una società lanciata verso l’edonismo reaganiano dei primi anni ’80. Un anti-Happy Days dal retrogusto beffardo e dal sapore di sbornia nichilista, trascinato da una colonna sonora a metà strada fra nostalgia e forza rivoluzionaria.

Animal House compie 35 anni – immerso in quella patina ingiallita, cosparso di lucida anarchia ed umorismo caustico in ogni frammento di pellicola – e li porta benissimo. Un compleanno speciale, da segnare in agenda: l’appuntamento con la confraternita Delta è fissato per il 7, 8 e 9 Ottobre all’Uci Cinemas, al The Space e all’Adriano. Per capire finalmente se i tedeschi hanno davvero bombardato Pearl Harbor.