A Serravalle Pistoiese il festival gratuito del jazz

Tre serate gratuite dal 26 al 28 agosto per ripercorrere la storia del jazz. Ospiti d’eccezione nello scenario della Rocca di Castruccio di Serravalle, a partire da Danilo Rea.

Superata la prima decade di intensa attività, il Serravalle Jazz Festival torna con uno slogan che è tutto un programma: C’era una (s)volta. Un  viaggio nella storia di una musica amatissima, dalle radici del ragtime alla contemporaneità.

Una kermesse che è anche approfondimento: ogni giorno un seminario di divulgazione. Ogni sera, invece, un doppio o triplo concerto, dalle 21.00 in poi.

Inizio in grande stile con il trombone di Gianluca Petrella: in duetto con il giovane pianista Giovanni Guidi prima, con Bruno Tommaso e la Barga Jazz Big Band poi.

Seconda serata in bilico tra spirito carioca, con l’omaggio in bossa nova a Jorge Amado di Emilia Rosa e il suo trio, e opera. Danilo Rea e Flavio Boltro saranno infatti protagonisti con il loro progetto dedicato alle più celebri arie operistiche riviste in chiave jazz. In apertura il Naples Quartet del giovane talento pistoiese Michele Marini.

A chiudere il festival blues, ragtime, stride piano e boogie-woogie con gli Storyville Syncopators di Andrea Roventini. Infine, Emma e gli Aristodemo’s e N.P. Big Band, per un finale in nome dello swing italiano e non.

Un bignami della storia del jazz, per appassionati e per appassionarsi.