3 – 9 ottobre: i migliori film nelle sale fiorentine

Anche questa settimana vi segnaliamo i migliori film disponibili nelle sale fiorentine:

A Dangerous Method

Questa settimana è segnata dal ritorno di Cronenberg che, come nei suoi film precedenti, indaga sulla complessità e l’oscurità dell’animo umano; stavolta lo fa prendendo come protagonista proprio lui, il padre della psicanalisi, Sigmund Freud.

È la vigilia della prima guerra mondiale ed il rapporto tra Freud e il giovane “allievo” Carl Gustav Jung viene stravolto dall’entrata in scena della bella e tormentata psicanalista russa Sabina Spielrein.

Qui la nostra recensione del film.

Qui le sale e gli orari di programmazione del film a Firenze.

Drive

Questa settimana riapre anche il cinema Principe, che decide di iniziare la stagione con il film vincitore del premio della regia al Festival di Cannes.

Ryan Gosling è uno stuntman di giorno e autista durante le rapine di notte. Tutto cambia quando si innamora di Irene, la vicina di casa bella e indifesa ma con un marito galeotto che, uscito dal carcere, la coinvolgerà in un giro criminale. Driver, da lupo solitario qual era, questa volta si troverà costretto ad intervenire. 

Qui le sale e gli orari di programmazione del film a Firenze.

Ruggine

Il nuovo film di Daniele Guaglianone, giovane e bravo regista italiano che, in questa pellicola, dirige un cast di volti noti.

Anni ‘70, provincia di Torino: un gruppo di figli di immigrati meridionali si ritrova spesso a giocare vicino al capannone di una ditta di recupero di materiali ferrosi. La vita dei ragazzi viene sconvolta quando arriva in città un nuovo medico. Il dottor Boldrini riesce, con i suoi metodi aristocratici, a conquistare la cittadinanza ma insospettisce da subito i ragazzini. Trent’anni dopo, tre di loro si troveranno a fare i conti con un terribile segreto scoperto quell’estate.

Qui le sale e gli orari di programmazione del film.

Cineteca di castello

Tra le tante iniziative della Cineteca di castello, questa settimana segnaliamo l’interessante retrospettiva su Jim Jarmusch, considerato uno dei massimi esponenti del cinema indipendente americano, autore di film cult come “Taxisti di notte”, “Dead Man”, “Daunbailò”, “Coffee and Cigarettes” e tanti altri.

Ricordiamo in molti suoi film il nostro Roberto Benigni, grande amico del regista americano.

Qui il programma completo della retrospettiva.